Care Manager, donna offre supporto a distanza

La figura del Care Manager: come e quando può essere di supporto

Sempre più spesso gli psicologi della linea di ascolto di Stimulus Italia accolgono le problematiche e le sfide di collaboratori che si trovano a dover affrontare difficoltà organizzative per l’arrivo di una nuova vita in famiglia, complessità date dalla presenza di genitori anziani o familiari disabili.

Per trovare la risposta a queste situazioni può essere necessario far ricorso ai servizi presenti sul territorio (servizi Sociali, consultori, ATS, USSL…), ma spesso districarsi al loro interno comporta dispendio di energie e di tempo.

Le informazioni sono frammentate e per “completare il puzzle” e avere la visione completa della soluzione è spesso necessario investire risorse e pazienza, che si sa, non sono infinite.

Grazie all’introduzione del servizio di supporto socio-assistenziale nel programma EAP, Stimulus Italia mette a disposizione una figura dedicata, il Care Manager, che si impegna in prima persona nella ricerca delle soluzioni più adatte alla problematica per ciascun collaboratore.

Care Manager e Assistente Sociale, differenze e analogie

Nell’immaginario collettivo la professione di aiuto per eccellenza, che si occupa di fornire supporto e superare una condizione di bisogno, è l’Assistente Sociale, un professionista che investe un impegno costante nel cercare di migliorare la vita delle persone sia a livello individuale, che familiare o di gruppo.

Il suo compito è quello di lavorare in e con la rete (di persone, di colleghi, di servizi …) che ruota attorno alla persona in difficoltà, che è comunque sempre al centro di ogni intervento e pensiero.

Tuttavia, in Italia (così come in molti paesi del mondo) non esiste un’assistente sociale che si occupi di tutti gli ambiti di fragilità.

Per questo motivo, all’interno del programma di supporto al collaboratore di Stimulus Italia vi è la referente del Servizio Socio Assistenziale, una figura di raccordo tra i diversi ambiti dell’assistenza sociale che si occupa di:

  • fare una valutazione della situazione e trovare gli interventi più efficaci per superare una condizione di bisogno;
  • offrire consulenze e soluzioni personalizzate;
  • potenziare le capacità della persona che chiede supporto, in modo da renderla consapevole dei suoi punti di forza, perché possa utilizzarli autonomamente in futuro.

In aggiunta, la referente del servizio può aiutare chi si rivolge a lei mettendolo in contatto con i servizi presenti nel suo territorio, accompagnandolo e supportandolo nell’acquisizione di informazioni e nella richiesta di attivazione di servizi.

Care manager supporta collaboratrice in difficoltà

Le principali differenze con la figura dell’assistente sociale sono:

  • l’impossibilità di attivare servizi territoriali o sussidi economici. Per poter fare questo è necessario rivolgersi all’assistente sociale del proprio Comune, in quanto l’assistenza sociale si colloca all’interno di un sistema di interventi in favore di alcune categorie di persone, dovuti alla Pubblica Amministrazione. Il Care Manager può comunque occuparsi di mettere in contatto il chiamante con l’assistente sociale del territorio.
  • il lavoro di prevenzione e di integrazione all’interno delle comunità territoriali in cui opera. Questo aspetto è di competenza esclusiva del servizio sociale territoriale, in quanto uno dei compiti dell’assistente sociale è proprio quello di conoscere le aree con maggior rischio di emarginazione sociale e lavorare su temi come la promozione, la prevenzione e l’inclusione sociale.

La referente di Stimulus Italia è una professionista che analizza e valuta domande e bisogni delle persone che si rivolgono a lei, per poter decidere insieme un programma d’azione che permetta di superare la condizione di bisogno.

L’obiettivo è progettare un percorso che tenga in considerazione i punti di forza e valori del soggetto, le sue inclinazioni e desideri, per aiutarlo a trovare autonomia di vita, soluzioni efficaci e una serenità che prima non c’era.

Per far questo sono necessarie doti come l’empatia e la capacità di ascolto, la predisposizione al prendersi cura e quindi tutte quelle caratteristiche che rimandano al termine inglese della “CARE”.

Per questo motivo, la referente del servizio Socio Assistenziale di Stimulus viene chiamata anche Care Manager.

Care Manager: in quali ambiti mi può aiutare?

Le aree di interesse di questo professionista sono numerose e riguardano tutto ciò che ha che fare con argomenti di interesse sociale.

Nello specifico il Care Manager può offrire suggerimenti riguardanti:

L’infanzia, le richieste possono spaziare dalle indicazioni di consultori in cui poter essere assistite durante la gravidanza, ai Centri di Aiuto alla Vita (associazione di volontari che supportano donne con una gravidanza difficile o indesiderata, o donne prive di mezzi economici o di quelle risorse necessarie per fornire cura al figlio), ai suggerimenti sui servizi educativi presenti nelle vicinanze (tipologia dei servizi e dove trovarli), alle informazioni riguardanti i contributi economici (bonus mamma domani, bonus bebè, nidi gratis, assegno unico familiare, ecc,).


La famiglia e quindi tutto ciò che concerne il mondo delle adozioni e delle reti di famiglie affidatarie, le comunità per minori, i consultori a cui rivolgersi per determinati bisogni familiari (sostegno alla coppia, alla genitorialità, ecc.).


Gli adulti per ricevere assistenza e consulenza sociale con interventi per il superamento di problematiche sociali (solitudine, emarginazione, problemi relazionali, di integrazione sociale).


Gli anziani e le possibilità di assistenza domiciliare attraverso la scelta e l’assunzione di una badante, i contributi economici esistenti, come e a chi fare domanda per determinati servizi assistenziali (diurni, residenziali, domiciliari…).


I disabili, supporto rispetto la legislazione a loro dedicata, i contributi economici che si possono richiedere, come e a chi fare domanda per determinati servizi assistenziali (residenziali, diurni, domiciliari…).


Le questioni amministrative/rapporti con enti del territorio e quindi la possibilità di chiedere aiuto per tutto ciò che riguarda i contributi economici a cui si ha diritto in determinate situazioni, il supporto nella richiesta di determinati servizi e le relazioni con enti del territorio (come i Servizi sociali del comune di riferimento, CPS, SERD; UONPIA…).

mani di giovane tengono strette mani anziano

Quando un collaboratore può consultare il care manager?

Un collaboratore o una collaboratrice possono consultare il Care Manager per avere suggerimenti e supporto nel trovare una soluzione, e per avere quell’aiuto che può incrementare le risorse personali già esistenti.

In particolare, il Care Manager aiuterà la persona:

  • nel reperire informazioni, troppo spesso frammentate, poco accessibili e non sempre chiare;
  • sostegno alla persona nel superare una situazione faticosa e impattante, favorendo un senso di ascolto e supporto;
  • rafforzamento del suo senso di fiducia nell’affrontare le sfide e i bisogni della vita;
  • potenziamento del benessere psicofisico della persona attraverso la messa in atto di nuove possibilità di gestione della situazione specifica;
  • supporto alla persona nell’accesso diretto ai servizi. Il Care manager fungerà da sostegno e figura tramite con i servizi territoriali per agevolare il cammino e renderlo, agli occhi della persona, più fluido e, soprattutto, partecipato.

In conclusione

Le piccole-grandi sfide quotidiane si presentano spesso senza preavviso e ci obbligano a revisionare e accrescere la nostra “cassetta degli attrezzi”, pretendendo competenze e abilità che fino a qualche giorno prima non erano necessarie.

Affrontare tutto questo è spesso molto complicato, poter affidarsi e ricevere ascolto e supporto può fare risparmiare tempo ed energie preziose da poter investire diversamente.

A partire dal 2021, il ventaglio di ambiti di supporto presenti all’interno dell’Employee Assistance Program di Stimulus Italia si è completato con l’inserimento di una figura altamente qualificata in ambito socio-assistenziale.

Molte aziende e organizzazioni hanno già avuto modo di sperimentarne i vantaggi del servizio, così come diversi collaboratori hanno potuto usufruire di un supporto concreto, trovando, in sinergia con il Care Manager, la soluzione migliore e più efficace per la loro problematica.

Per attivare il servizio anche all’interno della vostra azienda o per avere maggiori informazioni, è sempre possibile fissare un colloquio con un Business Developer dedicato.

 

A cura di Sara Comandatore,
Social Care Coordinator
Stimulus Italia